Galles travolgente: annichilisce la Russia 3-0 e vince il Girone B

giugno 20, 2016

Si decide la storia del gruppo B, uno dei gruppi più emozionanti dell’europeo. La Russia può solo vincere per raggiungere i 4 punti, minimi necessari per provare a passare il turno. Il Galles vuole chiudere il girone B in testa ed evitare possibili teste di serie agli ottavi. La squadra di Coleman scende sul terreno di gioco con il consueto 5-3-2 con Taylor a sinistra e Gunter a destra pronti a salire e creare disagi alla retroguardia avversaria con traversoni e inserimenti. Davanti Bale e Vokes supportati dagli inserimenti di Allen e Ramsey. Ledley si posiziona sull’asse centrale di centrocampo a filtrare e impostare.

La Russia prova a cambiare qualcosa rispetto alle precedenti apparizioni. Risponde con un 4-2-3-1 con Glushakov e Mamaev a centrocampo. Kokorin, shirokov e smolov a sostenere l’unica punta Dzyuba. Al primo minuto, pronti via ed è subito Galles: Bale converge verso il centro e calcia violentemente dal limite, il portiere Akinfeev respinge di pugno. La superiorità del Galles in quanto a organizzazione e rapidità di gioco è piuttosto evidente e si concretizza al 10’: Chester anticipa un rilancio della difesa russa, cede rapidamente ad Allen che con una deliziosa palla serve il taglio di Ramsey, il numero 10 controlla di destro e scucchiaia con freddezza portando momentaneamente il Galles al primo posto nel girone.

Bale 3

La Russia appare lenta nell’impostazione e non riesce a reagire. Al minuto 19’ arriva inevitabilmente il raddoppio: Bale viene lasciato libero di portar palla sulla trequarti di campo. L’asso del Real Madrid viene rincorso e contrastato da Shirokov che involontariamente nel rimpallo serve in profondità Taylor, il numero 3 del Galles si fa murare la prima conclusione da Akinfeev ma poi, sulla ribattuta, ha tutto il tempo di colpire a porta vuota con l’esterno sinistro.

Il 2-0 sembra aver ammazzato psicologicamente la Russia che si fa vedere solo al 27’ ma la conclusione di Dzyuba viene chiusa in calcio d’angolo da Hennessy. Da qui fino alla fine del primo tempo si vede solo il Galles. Al 29’ Bale, il Tornado Blanco dopo un impressionante coast to coast serve Vokes ma l’attaccante si fa respingere la conclusione ravvicinata. Al 32’ Ramsey pericoloso con una botta da fuori respinta goffamente da Akinfeev in calcio d’angolo. Il Galles domina in lungo e in largo, è solido dietro e riparte velocemente. Al minuto 39’ il fuoriclasse del Real Madrid parte ancora da solo da centrocampo e punta la difesa russa arrivando facilmente alla conclusione, bloccata in due tempi.

Nel secondo tempo la Russia sostituisce in difesa il Vasily Berezutskiy con il gemello Alexey ma, così come non cambia nulla per il tabellino dei giocatori, così la prestazione in campo che vede il Galles sempre più travolgente e una Russia povera di idee e di organizzazione. Gli uomini di Slutsky appaiono contratti e quando provano a distendersi in avanti non riesce a essere pericolosa, appare disordinata e con scarso filtro sulla linea mediana. L’impressione è che il Galles nelle ripartenze possa far male in qualsiasi momento. Al minuto 54 è ancora la coppia Ramsey-Bale a far ammattire la difesa russa. Con la punta del piede Akinfeev, migliore dei suoi, respinge la conclusione da posizione decentrata del numero 11.

La Russia con un possesso palla prolungato prova a trovare varchi tra le maglie rosse ben cucite della difesa avversaria ma poco accade se non qualche buon traversone non sfruttato e qualche conclusione poco pericolosa da fuori area. Al 67’ il Galles chiude definitivamente la partita: Ramsey porta a spasso l’intera difesa russa al limite dell’area di rigore e accarezza in profondità, Bale arriva da dietro evitando il fuorigioco e di esterno sinistro mette dentro il terzo centro consecutivo in 3 partite, portandosi in testa alla classifica marcatori di Euro 2016. Al 82’ viene sostituito con la standing ovation di tutto lo stadio.

Tra i grandi protagonisti attesi all’europeo è senz’altro colui che fino adesso ha inciso di più e non sembra sia per nulla appagato dall’incredibile stagione con le Merengues. La Russia sul finale prova a trovare il gol della bandiera ma, la verità, è che le emozioni più forti le regala uno spettacolare pubblico gallese con tifosi in lacrime e cori intonati a questa straordinaria nazionale che, forte del pareggio tra Inghilterra e Slovacchia, da rivelazione possibile è ormai una delle realtà più cristalline di Euro 2016.

Andrea Cardinali

IL TABELLINO

RUSSIA (4-2-3-1): Akinfeev; Smolnikov, V. Berezutski (dal 1′ s.t. A. Berezutski), Ignashevich, Kombarov; Glushakov, Mamaev; Kokorin, Shirokov (dal 7′ s.t. Golovin), Smolov (dal 25′ s.t. Samedov); Dzyuba. (Lodygin, Guilherme, Shishkin, Denisov, Ivanov, Torbinski, Schennikov, Neustädter, Shatov). C.t. Slutski

GALLES (5-3-2): Hennessey; Gunter, Chester, A. Williams, Davies, Taylor; Ramsey, Allen (dal 29′ s.t. Edwards), Ledley (dal 31′ s.t. King); Vokes, Bale (dal 39′ s.t. Church). (F. Williams, Ward, Richards, Collins, G. Williams, J. Williams, Vaughan, Cotterill, Robson-Kanu). C.t. Coleman

MARCATORI: Ramsey all’11’, Taylor al 20′ p.t.; Bale al 22′ s.t.

ARBITRO: Eriksson (Svezia)

NOTE: ammoniti Vokes (G), Mamaev (R) per gioco scorretto


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SPONSOR
 

Seguici su Google+